Pentole antiaderenti

Negli ultimi tempi si sono diffuse in tutte le cucine le pentole antiaderenti vengono cosi chiamate perché sono rivestite di una materiale che impedisce al cibo di attaccarsi sul fondo della pentola. Il materiale è chiamato teflon, permettendo di cuocere in modo rapido, senza utilizzare olio o grassi e senza variare le componenti nutritive degli alimenti.

La prima volta che si utilizzano questi tipi di pentole è bene lavarle a mano, asciugarle, e passarle con un tovagliolo intriso di olio. Quando poi si mettono sul fuoco non devono essere surriscaldate e quindi non bisogna lasciarle troppo sul fuoco senza nulla dentro. Una volta terminata la cottura è importante anche lavare la pentola nel modo adeguato: mai utilizzare le pagliette o le parti ruvide delle spugne, perché potrebbero compromettere l’integrità del teflon.

E’ meglio il lavaggio a mano, la lavastoviglie sarebbe meglio evitarla se si fanno dei lavaggi molto intensivi e aggressivi. Ultimamente si è messo in croce il Teflon per la possibilità che questo, se graffiato o rovinato, lisci molecole tossiche nei cibi che vengono quindi ingerite. Per evitare questo, bisogna sempre affidarsi alla qualità dei materiali e del produttore e acquistare prodotti garantiti come Bialetti, Lagostina, Amc, Alessi e molti altri.
Sul nostro sito, www.pentole.eu, potete trovare tutto quello che cercate sul mondo degli utensili da cucina a prezzi davvero convenienti.